text.skipToContent text.skipToNavigation
background-image

I viaggi di Marco Polo von Verne, Jules (eBook)

  • Erscheinungsdatum: 29.06.2015
  • Verlag: Booklassic
eBook (ePUB)
2,97 €
inkl. gesetzl. MwSt.
Sofort per Download lieferbar

Online verfügbar

I viaggi di Marco Polo

'Sara nostra cura il dare a questi viaggi il maggior sviluppo possibile, confrontando il lavoro di G. Verne colla lezione del Codice Magliabeccano pubblicato a cura del Bartoli; nonche coi lavori del Francese Charton; giacche gl'Italiani hanno diritto di pretendere in una nuova edizione dei viaggi del grande Veneziano tutta quella estensione che ben s'addice al piu illustre viaggiatore di quel secolo. '

Produktinformationen

    Format: ePUB
    Kopierschutz: none
    Seitenzahl: 49
    Erscheinungsdatum: 29.06.2015
    Sprache: Italienisch
    ISBN: 9789635269945
    Verlag: Booklassic
    Größe: 387 kBytes
Weiterlesen weniger lesen

I viaggi di Marco Polo

Capitolo 2


L'Armenia Minore.-La Turcomania.-L'Armenia Maggiore.-Il monte Ararat.-La Georgia.-Mussul, Bagdad, Bassora, Tauris.-La Persia.-La Provincia di Kirman.-Comadi.-Ormuz.-Il Vecchio della Montagna.-Cheburgan.-Balk.-Il Balacian.-Cascemir.-Casceegar.-Samarcanda.-Cotan.-Il deserto.-Tangut.-Caracorum.-Signan-fu.-Tenduc.-La grande Muraglia della China.-Ciandu, la città attuale di Sciang-tu.-La residenza di Kublai-Kan.-Cambaluc, attualmente Pekino.-Le feste dell'Imperatore.-Sue caccie.-Descrizione di Pekino.-La zecca ed i biglietti di banca chinesi.-Le poste dell'Impero.

Nel lasciare la città di Isso, Marco Polo parla dell'Armenia Minore come d'un paese assai insalubre, i cui abitanti, un tempo valorosi, ora sono divenuti vili e molto tristi, nè sanno far altro che ubbriacarsi. Questa provincia, ch'è retta da un governatore in nome del Gran-Kan, ha molte città e castella, abbonda d'ogni cosa ed in ispecial modo di cacciagione. In quanto al porto d'Isso, dice ch'è il deposito delle preziose mercanzie dell'Asia, ed il ritrovo dei mercanti d'ogni paese. Dall'Armenia Minore Marco Polo passa alla Turcomania, ove annovera tre generazioni di popoli: i Turcomanni propriamente detti, seguaci di Maometto, le cui tribù, semplici e alquanto selvagge, posseggono pascoli eccellenti ed allevano cavalli e muli di gran valore; gli Armeni ed i Greci, che dimorano in ville e castelli e sono abilissimi nel fabbricare tappeti e stoffe di seta. L'Armenia Maggiore, che Marco Polo visitò in seguito, è una vasta provincia che ha per capitale Arzinga [7] , città ove, al dire del Veneziano, si fabbrica il miglior boccassino del mondo. Questa provincia offre, durante l'estate, un accampamento favorevole ai Tartari del levante, pei pascoli eccellenti che vi si trovano. Ivi il viaggiatore vide il monte Ararat, sul quale, a seconda delle tradizioni bibliche, posò l'Arca di Noè dopo il diluvio; egli accenna alle terre confinanti col mar Caspio, ove dice trovarsi una fontana dalla quale sgorga dell'olio di nafta (petrolio) in tanta abbondanza, che cento navi se ne caricherebbero alla volta. Queste sorgenti sono oggetto d'un importantissimo commercio [8] .

Marco Polo, lasciando l'Armenia Maggiore, si diresse pel nord-est verso la Georgia, reame che si stende sul versante meridionale del Caucaso, governato da un re, tributario ai Tartari di levante, per nome David Melic, ch'è quanto dire, Davide re [9] . Secondo una tradizione, gli antichi re di questo paese nascevano "con una figura d'aquila disegnata sotto la spalla destra." I Georgiani, dice il Polo, sono bella gente, prodi in arme e valentissimi arcieri. Sono cristiani e vivono a mo' dei Greci. Gli operai del paese fabbricano magnifiche stoffe di seta e d'oro. Là si vede quella celebre gola lunga quattro leghe, posta tra il piede del Caucaso ed il mar Caspio, che i Turchi chiamano la porta di Ferro, e gli Europei il Passo di Derbend [10] . È là che si vede anche il monastero di S. Leonardo, ai piedi del quale si stende quel lago miracoloso in cui dicono si trovi pesce soltanto in quaresima.

Da questo punto, i viaggiatori discesero verso il reame di Mussul e guadagnarono la città di questo nome, posta sulla riva destra del Tigri; poscia Bagdad, residenza del califfo di tutt'i Saraceni del mondo [11] . Qui Marco Polo racconta la presa di Bagdad, fatta dai Tartari nel 1258, capitanati da Hulakù o Ulagù, figlio di Taulai e fratello di Mangu-Kan [12] ; e cita una storia maravigliosa in appoggio a quella massima cristiana di fede che solleva le montagne [13] ; poscia indica ai mercanti la via che corre da questa città al golfo Persico, e che si fa in diciotto giorni discendendo il fiume, attraversando Bassora ed il paese dei datteri.

Da Bagdad a Tauris, città persiana della provincia d'Adzerbaidjan, l'itinerario di Marco Polo sembra interrotto.-Ch

Weiterlesen weniger lesen

Kundenbewertungen